Torna a Notizie Associazione Marchigiana Santa Fe (Fe.Ma.CeL)

PROTAGONISTI DEL CONTRIBUTO ITALIANO ALL´ARGENTINA

 

 GIOVANNI CINGOLANI, pittore, maestro del restauro in Italia e di nuovi artisti a Santa Fe

Nei 150 anni della nascita del maestro marchigiano, é stato presentato un libro di Fernando Enrique Pallotti, dedicato alla sua vita. Tra le sue opere il restauro delle Stanze di Raffaello al Vaticano e un famoso ritratto di Leone XIII.

 

Non si parla, non si ricerca e non si diffonde quanto determinante , notevole,svariata é stato il contributo datto dall´emigrazione italiana all´Argentina, fino a farla apparire a tratti nel tempo, un´altra Italia. Pochi, pochissimi sono coloro che hanno fatto ricerche approfondite sui protagonisti di questa grande epopea, sconosciuta ai piú sia in Italia che in Argentina.

Ci sono peró alcune felice eccezioni e ora si é prodotta una di queste. Infatti, in occasione del 150° anniversario della nascita di Giovanni Cingolani, pittore e maestro di restauro marchigiano emigrato in Argentina, avventa lo scorso 22 gennaio, il “Comitato d´Omaggio Permanente a Giovanni Cingolani”, e l´Associazione Marchigiana Santa Fe (Fe.Ma.CeL), hanno organizzato una serie di manisfestazioni per celebrare degnamente la ricorrenza.

Il programma é iniziato con la celebrazione di una messa in memoria, nella Basilica Nostra Signora del Carmen, della cittá di Santa Fé, dov´é conservata la piú importante opera dell´illustre pittore , nato a Montecassiano (Prov. di Macerata-Marche).

D´altra parte é stata consegnata una donazione di materiale bibliografico sulla Regione Marche, alla Biblioteca della “Societá Italo-Argentina Roma” di Santa Fe.

In coincidenza con l´omaggio, é iniziata la distribuzione del libro “Cingolani, maestro in due mondi” scritto da Fernando Enrique Pallotti. L´opera é stata presentata al pubblico in un atto che si é tenuto presso il Forum culturale dell´Universitá Nazionale del Litorale, nella cittá di Santa Fé.

La prefazione del libro é del Dott. Jorge Taverna Irigoyen, Presidente dell´Accademia di Belle Arti della Repubblica Argentina e il testo di Pallotti racconta la vita e l´opera del pittore marchigiano, che lavoró durante 20 anni presso il Laboratorio di restauri del Vaticano, e fu il fondatore dell´”Ateneo de Artes y Ciencias” a Santa Fe, cittá in cui visse fino alla morte nel 1932.

L´evento é stato dichiarato di interesse culturale dal Governo della Cittá di Santa Fe, dal “Ministerio de Innovación y Cultura” della Provincia di Santa Fe, dall´ “Universidad Nacional del Litoral” di Santa Fe, e si tiene con gli auspici dalla Societá di Mutuo Soccorso Dante Alighieri di Santa Fe; dalla Societá Italo-Argentina “Roma” di Santa Fe, dal Com.It.Es. della Circ. Consolare di Rosario, dall´ “Associazione Marchigiana Santa Fe” (Fe.Ma.CeL), dal Governo  della Provincia di Macerata (Marche-Italia) e del Presidente di ASTERIA SRL. Dott. Dante Bartolomei (Ascoli-Piceno), fra gli altri.

L´autore del libro, come fa notare il Dott. Taverna Irigoyen nella sua prefazione, ha fatto un serio lavoro di ricerca in Italia e in Argentina, durato oltre cinque anni, di cui sono testimonianza, tra l´altro, le oltre cento pagine che riproducono a colori opere di Cingolani. Un esempio di quel che bisognerebbe fare tanti protagonisti dell´epopea italiana in Argentina, marchigiana, come nel caso di Pallotti per Cingolani e per le altre regioni.

 

Chi era Giovanni Cingolani (Montecassiano 1859/ Santa Fe 1932)

 

Giovanni Cingolani nacque a Montecassiano (Macerata) nel 1859, e morí a Santa Fe il 23 aprile 1932.

Nel 1880 fu nominato restauratore degli affreschi della Cappella Sistina del Vaticano (Appartamento Borgia, Stanze di Raffaello), crica che occupó durante venti anni.

É considerato uno dei migliori ritrattisti del suo tempo, ed una delle sue opere piú diffuse é il ritratto di Papa Leone XIII.

Fra i suoi quadri piú famosi ce n´é uno di grandi dimensioni che si esibisce a Macerata (Italia): il “Torquato Tasso”.

In merito alla qualitá dei suoi lavori, nel 1930 fu nominato membro dell´Accademia di Belle Arti di Perugia.

Nel 1909 emigró in Argentina, dove si distinse come uno dei migliori pittori dell´epoca.

A Santa Fe fondó l´Ateneo di Arti e Scienze. Fra i suoi lavori spiccano gli affreschi della volta ed i medaglioni della Basilica Nostra Signora del Carmine, le opere della Chiesa Santo Domenico, la tela de “La Vergine dei Miracoli” nella Chiesa dei Gesuiti, tutti a Santa Fe.

Tanto in queste quanto nelle numerose opere in mano private- tra le quali emerge il trittico “Vivere Lieto”- Cingolani ebbe una decisa  e perdurabile influenza sull´ambiente artistico santafesino, e diede un inestimabile contributo dell´arte marchigiana al patrimonio culturale della cittá di Santa Fe e dell´Argentina.-

L'autore insieme a giovani membri  dell'Associazione Marchigiana Santa Fe (Fe.Ma.CeL), inoltre realizzarono due videi che rappresentano il periodo italiano ed il periodo argentino dell'artista marchigiano che possono osservare in you tube, essendo queste videi parte di un CD interattivo.

Blog per la consultazione:http://www.gcingolani.blogspot.com/

Tribuna Italiana pag 10 Collettività 18 marzo 2009

 

Dalla prefazione del Presidente dell´Accademia Nazionale di Belle Arti dell´Argentina

 

E´lavoro complesso procurare il profilo bibliografico di un artista, specialmente se questi ha giá finito la sua opera creativa, ed é degno di diverse letture per il suo versatile protagonismo.

Se il compendio, oltre alle cronologie, aneddotari e altri aspetti, la biografia pretende la presentazione di critiche oppure le suggerisce, le difficoltá si approfondiscono indubbiamente.

Fernando Enrique Pallotti accetta l´impegno con capacitá ed efficienza. Si impadronisce di Juan Cingolani come artista con il rispetto ammirativo del ricercatore.

Lo rivela nelle indagini dei documenti diretti e nelle vie meno frequentate di archivi e versioni della tradizione orale. Associa e scompone capitoli ed opere, configurando il tutto ció, come é da supporre, emerge il Juan Cingolani, con la sua semblanza da maestro e da spirito sensibile alla vita, ai vincoli affettivi, ai segreti ordini.

La biografia critica di Pallotti, “Juan Cingolani, maestro in due mondi”, offre al lettore un ampio spazio per l´inizio della conoscenza del pittore e della sua opera. L´impegno con cui ha indagato nel suo periodo italiano, quanto alla sua dimora in America, e piú precisamente a Santa Fe, in Argentina, permettono di tracciare semblanze di valutazioni, e sua volta, intuire un presupposto di lavoro portato a termine con notevole rigore, disciplina e professionalitá.

Pallotti colloca Cingolani nella sua epoca. Scopre l´artista testimone del suo tempo. Uomo di due mondi, uomo di due secoli, indubbiamente al di sopra delle correnti classiche e degli stili, configuró una faccenda di definita ascendenza. Per tutto questo, il libro di Fernando Enrique Pallotti aggiunge ai suoi meriti intrinsici una componente di opportunitá. Situa un artista la cui opera é nel mondo dall´Italia alla Francia, dalla Turchia alla Spagna, ma che centralizza fondalmentalmente in America , nella cittá argentina di Santa Fe, la sua visione concettuale finale.-

                                            Dott. Jorge M. Taverna Irigoyen

                            Presidente dell´Accademia Nazionale di Belle Arti

                                           della Repubblica Argentina

 

Fotografie

1)     Copertina del libro

2)     Forum Culturale della  Università Nazionale del  Litorale di Santa Fe  (ARGENTINA)

3)     Presentazione del Libro “Cingolani, maestro in due mondi”.

4)     Dr Fernando Pallotti (figlio), il Presidente della Accademia di Belle Arti della Reppublica Argentina Dott. Jorge M Taverna Irigoyen y el Presidente de la Unione e Benevolenza Dante Alighieri di Santa Fe Dott. Ramiro Larivey.

5) Fotografie Giornale IL Litoral Presentazione Libro "Juan Cingolani , maestro in due mondi"

http://www.ellitoral.com/index.php/diarios/2009/03/07/nosotros/NOS-17.html

Links:

http://www.gcingolani.blogspot.com

http://www.ellitoral.com/index.php/diarios/2009/04/18/arteyletras/ARTE-01.html

Videi:

Sogiorno italiano : http://www.youtube.com/watch?v=ZQ84Vk2ZzgQ

Soggiorno Argentino: http://www.youtube.com/watch?v=18vNlEC7bSc

http://www.ellitoral.com/index.php/diarios/2009/03/01/escenariosysociedad/SOCI-04.html

http://santafeciudad.com/modules/news/article.php?storyid=9003

http://www.lavozdesancarlos.com.ar/s/index.php?tipo=nota&base=005290-laregion&seccion=laregion

http://www.unl.edu.ar/noticias/agenda.php?id_agenda=1620

http://www.lt10digital.com.ar/home/index.php?acc=ns_fa&id=56272&id_sec=25

http://3.bp.blogspot.com/_hgqhWloxHp4/SZyyqg-6JgI/AAAAAAAAAA8/T4PHO2qUGK0/s1600-h/invitacion+presentacion+del+libro+cingolani+,+maestro+en+dos+mundos.jpg

http://www.ellitoral.com/index.php/diarios/2009/01/17/escenariosysociedad/SOCI-08.html

 

L`autore : Fernando Enrique Pallotti

 

Fernando Enrique Pallotti nacque a Santa Fe (Argentina). È di professione Odontoiatra laureato all`Università Nazionale di Rosario (Provincia di Santa Fe-Argentina).

Nel 1993 è stato uno dei fondatori dell`Associazione Marchigiana Santa Fe (Fe.Ma.CeL) –sodalizio che ragruppa gli oriundi e discendenti della Regione Marche-con la quale, da allora, collabora attivamente.

Dall`anno 1994 si dedica, in forma autodidatta a studiare il fenomeno migratorio marchigiano verso l`Argentina.

Nel 1999 partecipa alla fondazione della Federazione Marchigiana del Centro-Litorale della Reppublica Argentina (Fe.Ma.CeL) e il suo appendice, il Gruppo Giovanile (la Giovanemarche).

Lo stesso anno ha elaborato e diretto il Progetto di salute Orale Solidale che si è sivluppato nell`Unità di Attenzione Odontoiatrica “San Giuseppe da Copertino” della città di Santa Fe.

Su incarico del quotidiano Il Litoral di Santa Fe , nell´agosto del 2002 ha curato il fascicolo numero 22 dell`Opera : “Origine ed Identità dei Santafesini”, riferito  all`Italia Centrale: Regione Marche.

Nell´anno 2005, è stato eletto Consigliere titolare per la Federazione Marchigiana del Centro Litorale  della Reppublica Argentina (Fe.Ma.CeL) , presso il Consiglio dei Marchigiani all`Estero.

 

 Torna a Notizie Associazione Marchigiana Santa Fe (Fe.Ma.CeL)